INCONTINENZA URINARIA MASCHILE
1. Domanda: L’intervento può essere effettuato in regime di convenzione con il Sistema Sanitario Nazionale?
Risposta: L’intervento chirurgico può essere effettuato in regime di convenzione  con il Sistema Sanitario Nazionale, senza alcuna spesa per il paziente.
2. Domanda: Per questo tipo di intervento quale tipo di anestesia è previsto?
Risposta: Anestesia generale con intubazione oro-tracheale.
3. Domanda: Quante ore dura l’intervento?
Risposta: Circa 1 ora.
4. Domanda: Ci sono rischi per l’erezione, dopo l’intervento?
Risposta: No
5. Domanda: Quanti sono i giorni di degenza in ospedale previsti per questo intervento?
Risposta: In genere il ricovero ospedaliero varia da 2 a 4 giorni.
6. Domanda: Per quanto tempo dovrò portare il catetere nell’uretra dopo l’intervento?
Risposta: Il catetere deve rimanere in sede per 24 ore dopo l’intervento.
7. Domanda: Quali particolari limitazioni sono suggerite durante la convalescenza?
Risposta: Durante la convalescenza è suggerito l’uso di un antibiotico per via orale per 2 settimane. È suggerito di non effettuare lungi viaggi in auto, lavori pesanti, attività sessuale e sportiva.
8. Domanda: Quanto tempo dopo l’intervento la protesi per incontinenza sarà attivata?
Risposta: La protesi sarà attivata dopo 30 giorni dall’intervento.
9. Domanda: Dopo l’intervento posso usare la bicicletta od il motorino?
Risposta: L’uso di bicicletta, motorino, cavallo, mezzi a sella in palestra sono sconsigliati.
10. Domanda: Dopo l’intervento sarò completamente continente?
Risposta: L’impianto e l’attivazione della protesi comportano, nella maggior parte dei pazienti, il ripristino totale della continenza urinaria, senza necessità di usare alcuni tipo di protezione esterna. In alcuni pazienti può residuare una lieve incontinenza da sforzo con perdita di qualche goccia di urine sotto sforzo. Nel caso di forme di residua incontinenza più gravi, è consigliato di contattare il Centro di riferimento che ha impiantato la protesi.
Torna alla sezione precedente